Giovanni Pascoli la definiva «il pane, anzi il cibo nazionale dei romagnoli»: in realtà, lo era innanzitutto per i più poveri. Nella Romagna interna si prepara leggermente più spessa, mentre sulla costa, ad esempio nel riminese, è tirata più sottile."